Seggiolini antiabbandono: pronto il decreto attuativo
21 Marzo 2019
8 cose da insegnare per ridurre gli infortuni da rischi meccanici
28 Marzo 2019

Health Security: un panorama connotato da molteplici insidie e criticità emergenti

Nonostante possa apparire a una prima analisi ridondante, è sempre estremamente utile soffermarsi sul termine “sicurezza” al quale, nella lingua italiana, sottendono svariati significati egregiamente rappresentati dagli omologhi termini appartenenti alla lingua anglosassone; infatti, pur nella semplicità di un termine unico, è noto come esso possa essere declinato, prendendo appunto spunto dalla lingua inglese, in ben cinque aspetti differenti e non, come spesso accade, limitatamente ai termini Safety e Security.

Se per Safety e Security ci riferiamo quotidianamente alla protezione del patrimonio, sia esso tangibile che intangibile, da atti di natura rispettivamente colposa e dolosa, i restanti tre aspetti, ovvero Health, Environment ed Audit, vengono sistematicamente dimenticati o, quantomeno, considerati d’importanza minore.

Ad esempio l’aspetto di Health, ovvero la salvaguardia della salute delle persone non limitatamente alla permanenza nei luoghi di lavoro, bensì durante l’intero arco di vita, ha assunto col passare del tempo un’importanza sempre maggiore, correlandosi strettamente all’evoluzione dei nostri stili di vita, della ricerca in campo medico e ad una mutazione incredibilmente rapida di virus e batteri; similmente la componente Environment, rappresentata dalla protezione del sistema Ambiente in tutte le sue componenti, rappresenta una delle maggiori criticità evidenziate dalla comunità scientifica internazionale fin dal secolo scorso, in quanto caratterizzata da svariate vulnerabilità alla luce di attività antropiche sempre più impattanti e purtroppo spesso irreversibili.

Infine, non di certo per importanza, urge considerare l’aspetto di Audit, ovvero l’attività di sistematica e periodica verifica dei piani e delle procedure di sicurezza, funzionale a constatare il livello di congruità di quanto previsto dal punto di vista documentale con la contingenza di scenari sempre più complessi e caratterizzati spesso da criticità in continua e crescente evoluzione; tutto ciò, in un’ottica di ottimizzazione e di miglioramento continuo delle risorse, dei processi e degli standards qualitativi.

Tornando al succitato aspetto della parola “sicurezza” declinato col termine anglosassone Health, vediamo in prima linea l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO – World Health Organization), la quale ha recentemente inaugurato il nuovo piano strategico quinquennale esponendolo nel suo tredicesimo programma di lavoro.

Nel rapporto presentato vengono segnalate le dieci maggiori sfide che l’Organizzazione Mondiale della Sanità si troverà a dover fronteggiare nel prossimo quinquennio, le quali spaziano dagli aspetti legati alla degenerazione dell’ambiente, quindi il citato Environment, passando per le malattie caratterizzate da una maggiore letalità.

L’aspetto interessante di tale classifica è che, oltre all’impatto umano sull’ambiente che ne causa l’inquinamento, nonché l’alterazione degli ecosistemi, alcune delle minacce sono più che mai diretta responsabilità dell’agire umano: infatti, sia le remore alle vaccinazioni che l’uso indiscriminato di antibiotici a largo spettro, rappresentano due delle maggiori aree di futuro rischio per la salute globale.

La resistenza dei batteri agli antibiotici è una minaccia da non sottovalutare, in quanto l’acquisizione dell’immunità dalla terapia antibiotica potrebbe portare nei prossimi anni a un incremento delle epidemie, con ricadute sia sui sistemi sanitari nazionali che si troverebbero impreparati a gestire grandi numeri di malati, sia sulla produttività in senso più ampio.

Negli ultimi due secoli le conquiste della medicina sono state molteplici, ma lo sviluppo di antibiotici, antivirali e antimalarici devono essere annoverati tra i più grandi successi nella difesa della salute sia umana che animale: la riduzione di malattie causate da batteri, parassiti, virus e funghi ha assicurato infatti un miglioramento ed un allungamento della vita media della popolazione mondiale, riducendo drasticamente infezioni come polmonite, tubercolosi e salmonellosi.

Volendo fare un esempio concreto di cosa comporti la resistenza antimicrobica, più comunemente detta resistenza antibiotica, si possono analizzare le statistiche per la tubercolosi, una malattia ben conosciuta e oggi curabile, la quale contagia annualmente circa 10 milioni di persone causando 1,6 milioni di morti nonostante sia possibile contrastarla con diversi antibiotici; nell’anno 2017 circa 600.000 casi di tubercolosi sono risultati essere resistenti alla rifampicina, il farmaco di prima linea più efficace, ove ben l’82% dei pazienti infettati aveva delle forme di tubercolosi multi-resistente.

La resistenza degli agenti patogeni ai farmaci può essere naturale o acquisita; tra gli esempi di resistenza naturale agli antibiotici abbiamo, ad esempio, i micoplasmi, ovvero una specie di batteri i quali, essendo privi della parete cellulare, non sono bersaglio di tutta quella categoria di antibiotici (tra cui rientrano le note penicilline e cefalosporine) che hanno come bersaglio appunto la parete cellulare.

Altro esempio utile deriva dagli enterococchi, microorganismi batterici che si sviluppano nel tratto intestinale e privi del diidrofolato reduttasi, un enzima implicato nel metabolismo dell’acido folico in tutte le cellule viventi, le quali utilizzano l’acido folico assorbendolo dall’esterno e acquisendo in tal modo la resistenza ai sulfamidici.

Un’altra modalità di resistenza ai farmaci antibiotici, che risulterà probabilmente essere una delle principali minacce alla salute pubblica del prossimo ventennio, è quella acquisita, la quale si scatena nella maggior parte dei casi da una precedente esposizione dell’agente patogeno all’antibiotico; essa si realizza con differenti meccanismi di cui le principali forme sono: la modifica del target batterico, la produzione da parte del batterio di enzimi inattivanti l’antibiotico, la ridotta permeabilità all’antibiotico e l’efflusso attivo che induce l’uscita dell’antibiotico stesso dalla cellula grazie a un sistema di pompe attive.

L’uso eccessivo di antibiotici, sia nelle persone che negli animali da allevamento impiegati per la produzione alimentare, nonché nel settore agroalimentare, ha come risultato il favorire lo sviluppo di ceppi resistenti, che si prevede possano portare in futuro a un severo aumento delle morti da infezioni batteriche.

Sull’argomento c’è una visione condivisa da tutta la comunità scientifica internazionale, e il direttore del dipartimento della Salute della donna e del bambino della Fondazione IRCCS del Policlinico San Matteo di Pavia, Mauro Stornati, nell’affrontare tale problematica ha confermato le previsioni che vedono accrescere la mortalità a causa dello sviluppo della resistenza antibiotica dei differenti ceppi batterici e non solo.

Nel 2050 il fenomeno dell’antibiotico-resistenza sarà la prima causa di morte; gli antibiotici sono un presidio fondamentale per la nostra salute ed il problema nasce perché se ne prescrivono troppi e se ne utilizzano troppi a tutti i livelli: purtroppo creano dei microorganismi multi-resistenti quando sono usati male o in eccesso, e questo sarà un problema con cui dovremmo confrontarci probabilmente già nel prossimo decennio”.

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha calcolato che dal 2050 in poi ci saranno 10 milioni di decessi ogni anno a causa di microrganismi multi resistenti, con un conseguente accumulo dei costi sanitari dovuti sia al protrarsi della malattia sia all’esigenza di test aggiuntivi per determinare la corretta tipologia di farmaco da impiegare; il Gruppo della Banca Mondiale stima che la resistenza antibiotica dei ceppi batterici potrebbe ridurre il prodotto interno lordo globale annuale, raggiungendo un picco massimo stimabile in circa $ 10,8 trilioni di spese sanitarie aggiuntive.

In Europa si è concluso da pochi giorni il sondaggio messo a punto dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) circa le conoscenze e le attitudini degli impiegati nel settore sanitario dell’Unione Europea in merito all’uso degli antibiotici relativamente alle problematiche connesse agli aspetti dell’antibiotico-resistenza; per l’Italia, l’Istituto Superiore di Sanità ha invitato tutti gli operatori a dedicare dieci minuti alla compilazione del questionario on-line indirizzato a medici, infermieri, farmacisti e dirigenti di ospedali, nonché a ricercatori clinici, fisioterapisti, infermieri ausiliari, odontotecnici, tecnici farmaceutici, équipe sanitarie pubbliche e studenti delle facoltà sanitarie, i cui risultati serviranno da base progettuale per lo sviluppo di strategie utili ad affrontare in maniera sinergica ed efficace il problema dell’antibiotico resistenza.

 

Articolo a cura di Claudia Petrosini e Stefano Scaini

Claudia Petrosini è un’Ufficiale superiore di stato maggiore della Marina Militare, nata a Roma nel 1978. Laureata nel 2006 in Scienze politiche ad indirizzo politico internazionale presso l’Università di Pisa, ha svolto servizio sulle Unità maggiori di superficie quale Ufficiale specializzato in radar e telecomunicazioni per un decennio. Nel 2015 ha conseguito un Master in studi strategici e sicurezza internazionale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Nel novembre 2016 con una tesi dal titolo “Infrastrutture critiche italiane: pervenire ad una mappatura territoriale dei rischi CBRN” ha conseguito il master in protezione strategica del sistema paese presso la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale. Da settembre 2016 è impiegata presso lo Stato Maggiore della Difesa, dove si occupa principalmente degli aspetti di policy nazionale, NATO e dell’Unione Europea relativi alla difesa chimica, biologica radiologica e nucleare e contro-proliferazione.

Stefano Scaini opera professionalmente nel settore dei materiali energetici dal 1993 fornendo servizi, consulenze e contributi didattici nei settori della sicurezza, delle tecnologie e delle applicazioni sia civili che militari dei materiali esplodenti, con particolare riferimento agli aspetti “dual use” e a quanto afferente e correlato ai settori Sicurezza e Protezione di strutture ed infrastrutture critiche. Coautore dei volumi dal titolo “Calcoli di dinamica dell’esplosione” ed “Esplosivi e security”, Autore di numerose e riconosciute pubblicazioni in campo nazionale ed internazionale, nonché collaboratore di Networks e Stampa specializzata, è Consulente e Formatore presso Safety & Security managements di Società nazionali e Multinazionali, Enti, Associazioni ed Istituti di ricerca e formazione accreditati. Docente presso NATO (JCBRN COE), MARSEC COE, UN, Eurojust, la Missione Diplomatica degli Stati Uniti d’America, le Forze Armate e di Polizia Italiane ed Atenei quali Franklin University Switzerland, Politecnico di Torino, Università degli Studi di Bologna “Alma Mater”, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Università degli Studi della Tuscia e Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”. Consulente a disposizione della Presidenza del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana, è stato segnalato tra le nominations dei “World Demolition Training Awards 2010” per la didattica specialistica erogata ai Nuclei Artificieri antisabotaggio e Polaria della Polizia di Stato Italiana.

Download PDF
Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SAFETY & SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di Safety & Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy