Nuclear Security: aumentare la percezione del rischio “N” ed “R” quale efficace strumento di prevenzione e contrasto al terrorismo
26 Aprile 2019
Il progetto del Ministero per la prevenzione e il contrasto del commercio abusivo
2 Maggio 2019

Vigilanza privata: la selezione del personale

Mi occupo di selezione e formazione del personale da adibire alla figura professionale di Guardia Particolare Giurata dal 2001 e ho incontrato de visu, in occasione di colloqui di lavoro, oltre 3000 candidati. È un’attività estremamente delicata e di grande responsabilità. Occorre infatti capire immediatamente chi si ha davanti per essere in grado di pizzicare le corde giuste ed ottenere il risultato ottimale.

Quando ho deciso di scrivere un articolo su questo argomento, ero indeciso se scriverlo a uso e consumo dei selezionatori o dei selezionati.

Ma poi ho ritenuto più giusto essere di aiuto alla parte più debole e, dunque, mi auguro che le persone che dovranno sostenere dei colloqui di lavoro per diventare Guardie Particolari Giurate possano trarre qualche vantaggio o utilità da queste righe.

Un buon selezionatore sarà spietato e perseguirà un unico obiettivo: il bene aziendale.

Per un Istituto di Vigilanza, inserire tra i propri dipendenti un elemento non valido o, peggio, dannoso vuol dire creare un danno che può avere conseguenze molto serie per l’Azienda.

Pertanto la prima ferrea regola per il selezionatore dovrà essere la seguente: nel dubbio, escludere.

Escludere senza remore, senza sensi di colpa, senza sentimentalismi, senza pietà. Mi rendo conto di utilizzare termini che possono apparire forti o esagerati ma non ne trovo davvero di più adatti.

Il grandissimo vantaggio che ha il selezionatore nei confronti del selezionato è la possibilità di poter scegliere. Per il selezionato è un’occasione forse irripetibile, per il selezionatore è un colloquio tra tanti.

Cosa cerca un selezionatore in un’aspirante Guardia Particolare Giurata?

È questa la domanda più importante che deve porsi il candidato e sarà ciò che dovrà cercare di far trasparire dal colloquio.

Non darò a questo articolo un taglio estremamente tecnico dove riferire gli aspetti meramente psicologici o i tecnicismi tipici di queste situazioni ma cercherò di fornire indicazioni importanti alle quali chiunque può e deve attenersi senza troppi giri di parole.

Aspetto formale

L’aspetto formale in un colloquio lavorativo è sempre importante ma presso un Istituto di Vigilanza Privata lo è certamente ancora di più. Il candidato non deve dimenticare che sta entrando in un ambiente organizzato in modo paramilitare, dove vi sono soggetti in uniforme e dove il modo di porsi e presentarsi ha una notevole importanza.

Pertanto è opportuno apparire ordinati. Non è necessaria l’eleganza estrema ma l’ordine e la pulizia certamente sì. Provvedere, pertanto, a coprire  eventuali tatuaggi visibili, rimuovere eventuali piercing di qualsiasi tipo, presentarsi rasati e con capelli opportunamente corti. Per le candidate di sesso femminile è opportuno un abbigliamento sobrio, un trucco leggero ed evitare di indossare accessori troppo appariscenti.

Reattività e schiettezza nel dialogo

Il colloquio con il selezionatore deve essere aperto e brillante, pur mantenendo sempre un’attitudine di grande serietà e compostezza. Nonostante un minimo di emozione che pervade chiunque in queste circostanze, è importante essere reattivi e non mostrarsi mai intimoriti dal dialogo.

Il proprio atteggiamento deve mantenersi sereno e determinato a prescindere dalla condotta del selezionatore, che può essere volutamente amichevole o estremamente formale proprio per valutare le vostre reazioni.

Un atteggiamento troppo dimesso o titubante può essere estremamente deleterio e può indurre il selezionatore a ritenere il candidato troppo timido e inadatto alle attività per le quali dovrà essere impiegato. La capacità di sapersi interfacciare con le persone ed essere in grado di sostenere una conversazione senza difficoltà, sono caratteristiche decisamente ricercate nelle Guardie Particolari Giurate moderne. Sempre più spesso, infatti, la Guardia Particolare Giurata, oltre a garantire la sicurezza dell’obiettivo vigilato, diventa il primo punto di riferimento presso il Cliente e la capacità di relazionarsi efficacemente con il prossimo diventa fondamentale.

Flessibilità, mezzo di trasporto di proprietà, domicilio in zona

La flessibilità del candidato, a mio parere, è uno tra gli elementi che può fare la differenza in ambito selettivo. Il selezionatore ha necessità di ricercare elementi che diano una disponibilità totale. L’attività di Guardia Particolare Giurata, com’è noto, prevede spesso l’impiego su turnazioni h24 presso obiettivi dislocati in tutta la provincia di competenza dell’Istituto di Vigilanza. I turni di servizio, peraltro, possono essere anche di molte ore continuative in presenza di assenze improvvise e può capitare, inoltre, di essere contattati nei giorni di riposo per eventuali emergenze e necessità.

Far trasparire in sede di colloquio limitazioni in questo senso o, peggio, precisare dei paletti precisi a riguardo (no notti, no turni lunghi, no determinati servizi) può essere un elemento di certa esclusione.

Il possesso di un mezzo di proprietà che consente di non essere legati al mezzo pubblico è un altro elemento valutato con estrema attenzione. Un soggetto i cui spostamenti sono subordinati al mezzo pubblico non consente a chi lo gestisce di collocarlo liberamente secondo le necessità aziendali ed il rischio di eventuali ritardi nell’intraprendere il servizio è certamente più elevato. Ecco quindi che essere in possesso della patente di guida e di un mezzo di trasporto proprio diventa un elemento determinante.

Un altro elemento molto influente ai fini selettivi è certamente la disponibilità di un domicilio nel comune o, al limite, nella provincia di riferimento dell’Istituto di Vigilanza. Un candidato il cui domicilio sia troppo distante dalla sede è certamente di più difficile collocazione rispetto a chi, al contrario, abita nei paraggi.

Titolo di studio, conoscenze diverse

In base ai requisiti previsti dall’art. 138 del T.U.L.P. S., per poter diventare Guardia Particolare Giurata è sufficiente “saper leggere e scrivere”.

L’innalzamento professionale della Guardia Particolare Giurata negli ultimi anni rendono questo requisito assolutamente inadeguato. Conosco moltissime ottime Guardie Particolari Giurate il cui titolo di studio è la licenza media ma è ovvio che un titolo di studio superiore è certamente da preferirsi.

Il costante progresso tecnologico anche dei sistemi di sicurezza e la particolarità di molti obiettivi vigilati impone l’impiego di operatori con caratteristiche sempre più ricercate e particolari.

L’uso del PC e dei suoi principali applicativi, ad esempio, è un elemento di sicuro interesse in abito selettivo così come la conoscenza della lingua inglese o, comunque, di una lingua diversa dall’italiano.

Esperienze lavorative

Le esperienze lavorative pregresse posso avere rilevanza soprattutto se maturate in settori attinenti.

Personalmente valuto con attenzione soprattutto eventuali esperienze avute in ambito militare poiché le ritengo estremamente formative.

Esperienze lavorative in altri Istituti di Vigilanza possono essere valutate in modi diversi. Certamente un candidato che ha già avuto esperienze specifiche nel settore è già al corrente circa il tipo di lavoro che dovrà affrontare ma avrà anche, probabilmente, assimilato tutti i difetti e le cattive abitudini del caso.

Personalmente, salvo casi eccezionali, ho sempre preferito candidati senza alcuna esperienza specifica nel settore proprio per avere la possibilità di formarli e plasmarli secondo le mie necessità aziendali, scevri da qualsiasi cattiva abitudine pregressa.

Età del candidato

Questo aspetto può essere oggetto di valutazioni diverse da parte del selezionatore e può essere legato anche a ragioni fiscali, che possono essere fonte di risparmio per l’Azienda. Ma al di là di queste considerazioni, sulla base della mia esperienza, posso esprimere un parere molto preciso a riguardo. C’è stato un periodo storico nei primi anni 2000 in cui mi fu richiesto di selezionare solo candidati che avessero un’età non superiore a 29 anni. Il risultato è stato tragico. I soggetti molto giovani, infatti, con maggiore difficoltà si attagliano a questo tipo di attività che richiede indubbiamente uno spiccato spirito di sacrificio. Ho dati certi, infatti, secondo i quali la percentuale di candidati idonei riscontrati tra gli under 29 è decisamente inferiore rispetto a candidati di età superiore.

Occorre anche tuttavia precisare che, seppure in percentuale minore, gli idonei under 29 garantiscono una migliore resa in servizio, offrono la possibilità di poterli formare con maggiore meticolosità e pertanto garantire una risorsa affidabile per molti anni sulla quale investire.

Gli over 29, al contrario, hanno in genere una maggiore predisposizione al sacrificio e una coscienza più viva dell’importanza del posto di lavoro ma, naturalmente, non possiedono la freschezza e il dinamismo – anche mentale – dei candidati più giovani.

In conclusione si può affermare che l’età, a mio parere, in genere non rappresenta un tassello fondamentale ai fini della selezione del candidato.

Formazione professionale

Dall’emanazione del DM 269/2010, che finalmente regolarizza moltissimi aspetti circa l’attività delle Guardie Particolari Giurate, anche la formazione viene regolamentata e resa obbligatoria. È l’Istituto di Vigilanza che deve provvedere alla formazione di base preassuntiva ma, in questo ambito, assume un’importanza assolutamente rilevante la formazione professionale cui il candidato può accedere privatamente di sua iniziativa prima ancora di presentare il proprio curriculum vitae. Esistono infatti alcune importanti aziende di formazione professionale che offrono corsi di formazione certificati sia per quanto riguarda l’attività di Guardia Particolare Giurata di base, sia con specializzazioni particolari come, ad esempio, per addetto alla security aeroportuale, per operatore di centrale operativa, ecc.

Il possesso di certificazioni relative a corsi del genere rendono il curriculum del candidato estremamente più interessante poiché forniscono al selezionatore un “prodotto” già pronto sia dal punto di vista professionale che garantisce una sicura resa in servizio, sia dal punto di vista commerciale poiché già utilizzabile in posti di servizio che richiedono certificazioni e conoscenze specifiche (ad es. centrale operativa, aeroporti, ambasciate, installazioni militari, ecc.).

Conclusioni

Il colloquio di lavoro è sempre un momento importante e delicato e occorre far trasparire quelle caratteristiche che il selezionatore sta ricercando. Ho indicato gli elementi più importanti che ricerco sempre nei candidati sottoposti alla mia valutazione e che sono indispensabili per riuscire bene in questa attività.

Essere a conoscenza di questi elementi ritengo possa essere un notevole vantaggio e, se anche uno dei lettori di questo articolo ne trarrà un vantaggio determinante, avrò raggiunto il mio obiettivo.

 

Articolo a cura di Andrea Bucci

Dal gennaio 1994 al 2001 ho maturato esperienze in tutti i servizi di Vigilanza.
Dal 2001 al 2014 mi sono occupato del Servizio Operativo e del Personale con ruoli di regia con particolare riferimento alla selezione e formazione del personale. Organizzo e somministro in prima persona, per le materie di mia competenza (parte operativa, parte normativa, antiterrorismo ed armi), corsi di formazione preassuntivi e di aggiornamento professionale per il personale in forza. Negli ultimi 10 anni ho trattato oltre 8000 curricula, ho ricevuto a colloquio oltre 5000 candidati ed ho formato oltre 2000 aspiranti. Dal 2014 ricopro l'incarico di Coordinatore del Servizio Operativo con mansioni di gestione di tutto il personale operativo (500+ GPG).
Da dicembre 2015 docente di "modulo operativo", "modulo normativo" e "modulo antiterrorismo" per Accademia del Lavoro (www.accademiadellavoro.it) relativamente al Corso per Aspiranti G.P.G.
Da maggio 2016 docente di "modulo operativo", "modulo normativo" e "modulo antiterrorismo" per Iris Agency (www.scuola-security.it) relativamente al Corso per Aspiranti G.P.G.
Da agosto 2017 inserito nel database del Ministero degli Interni come docente presso Scuola Security (www.scuolasecurity.it).

Download PDF
Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SAFETY & SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di Safety & Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy