Axis presenta una nuova serie di telecamere a cupola fisse HD con illuminazione a infrarossi integrata
6 Settembre 2016
Sempre aperti, mai scoperti. Le 5 regole d’oro per progettare varchi di sicurezza per spazi pubblici
8 Settembre 2016

Meraviglie sotterranee: le stazioni della metropolitana di Napoli

Se il famoso detto “vedi Napoli e poi muori” implica per fortuna una certa distanza temporale fra i due eventi, in realtà apprezzare le bellezze del capoluogo campano e finire sotto terra sono esperienze che si possono compiere simultaneamente in maniera non invasiva e reversibile, rimanendo vivi e vegeti e visitando le straordinarie stazioni della metropolitana partenopea.

Con i suoi 18 km scanditi da 19 fermate, la Linea 1 della metropolitana di Napoli non sarà forse fra le più lunghe, ma è sicuramente una delle più belle d’Europa. Relativamente recente – l’inaugurazione della prima tratta risale al 1993, l’ultima estensione al percorso è del 2015 e sono in costruzione altre fermate – è stata progettata con criteri moderni per quanto concerne l’accessibilità e la fruibilità da parte di un pubblico più ampio possibile, ma soprattutto con un particolare riguardo all’estetica: d’altra parte, una delle città più ricche al mondo di opere d’arte, meravigliose architetture e panorami mozzafiato non avrebbe potuto accontentarsi di nulla di meno. Le stazioni inaugurate nel corso di questo millennio sono state realizzate nell’ambito del progetto “ stazioni dell’arte”, ideato per creare una sintesi fra la funzione pratica della stazione e il suo potenziale come luogo di aggregazione gradevole e accogliente, riqualificando nel contempo le zone della città servite dalle diverse fermate.

Metropolitana-Napoli-ToledoIl progetto ha raggiunto il suo obiettivo anche grazie l’apporto di alcuni fra i nomi più prestigiosi dell’architettura contemporanea, che hanno progettato le diverse stazioni (l’elenco è alfabetico, poiché sarebbe difficile ordinarli per eccellenza): Gae Aulenti, Mario Botta, Michele Capobianco, Massimiliano Fuksas, Alessandro Mendini, Renato Miano, Domenico Orlacchio, Dominuqe Perrault , Karim Rashid, Richard Rogers, Àlvaro Siza Viera, Edoardo Souto de Moura, Benedetta Tagliabue, Oscar Tusquets Blanca. Proprio quest’ultimo ha firmato la stazione Toledo, inaugurata nel 2012 e insignita nel 2015 del premio dell’”International tunnelling association”, conferito ogni anno alla più notevole fra le opere pubbliche sotterranee di tutto il mondo, nella categoria “Uso innnovativo degli spazi”.

 

A rendere le stazioni attraenti e a migliorare ulteriormente l’esperienza di chi vi transita o vi sosta contribuiscono le numerose opere d’arte, realizzate da artisti di fama internazionale appositamente per questi ambienti ed esposte permanentemente in loco.

La cura per l’aspetto estetico profusa dagli insigni progettisti e dai loro collaboratori nella realizzazione di queste stazioni si riflette su ogni dettaglio: è impensabile che, con gli sforzi fatti per realizzare luoghi così belli, i risultati possano essere sminuiti dalla presenza ingombrante di elementi tecnici dall’aspetto sgradevole. Naturalmente la ricercatezza estetica non può limitare l’efficienza di strutture che hanno comunque una fondamentale rilevanza pratica come le stazioni della metropolitana di Napoli: le soluzioni trovate hanno dovuto unire design e funzionalità.

Metropolitana-Napoli-Garibaldi-Tornelli-GunneboUn aspetto di grande importanza per le stazioni del trasporto pubblico è il controllo degli accessi, fondamentale per contrastare l’evasione tariffaria e garantire la sicurezza dei passeggeri e del personale; la presenza di barriere fisiche è imprescindibile per garantire una selezione degli utenti e limitare l’accesso agli aventi diritto. Nelle stazioni dell’arte è evidente come l’esigenza di controllo e sicurezza debba coesistere con la ricerca di un aspetto estetico curato e invitante. In molte stazioni per soddisfare entrambe queste esigenze sono state scelte barriere prodotte da Gunnebo, multinazionale svedese leader nel fornire soluzioni di sicurezza a valore aggiunto i cui varchi si distinguono da sempre per l’equilibrio fra tecnologia e design.

 

Come sempre, lo staff Gunnebo ha collaborato con le aziende incaricate della realizzazione dei progetti fornendo il contributo di decenni di esperienza nelle realizzazioni mass transit. Le installazioni sono avvenute seguendo i principi base per una corretta implementazione dei meccanismi di controllo, che Gunnebo adotta sempre con attenzione: un inserimento graduale e ampiamente preannunciato dei nuovi sistemi per consentire al pubblico di abituarsi, la scelta di sistemi adatti come capacità di transito alle esigenze delle singole stazioni e allo stesso tempo non eccessivi come dimensioni in modo da non risultare respingenti, l’installazione di varchi tali da consentire il passaggio a ogni categoria di utenti (comprese quindi le persone con difficoltà motorie),  e l’adeguamento dei modelli ai livelli di sicurezza richiesti e alle caratteristiche architettoniche dei singoli punti di passaggio, reso possibile anche dall’ampia gamma di soluzioni Gunnebo disponibili.

Portelli-Gunnebo-Metropolitana-Napoli-UniversitàjpgPer fare solo un esempio, nella fermata Garibaldi – di interscambio con la stazione ferroviaria Napoli Centrale, inaugurata nel 2013, progettata da Dominique Perrault (autore anche della riqualificazione della sovrastante Piazza Garibaldi) e arricchita con installazioni di Michelangelo Pistoletto –  sono stati scelti due tipi di varchi Gunnebo: tornelli a tripode per gli accessi e portelli automatizzati per le uscite. I tornelli sono fra i sistemi Gunnebo più collaudati, da sempre apprezzati per il design compatto che rende possibile l’inserimento di numerose barriere anche in spazi limitati, per le esigenze di manutenzione praticamente nulle che garantiscono un funzionamento costante e affidabile e per la robustezza che li rende adatti a sopportare le sollecitazioni meccaniche date dai numerosissimi passaggi giornalieri.  I portelli automatizzati Pass-O-Mat, d’altro canto, consentono un rapido passaggio senza contatto e sono quindi adatti per le uscite, dove assicurano un deflusso ordinato dei passeggeri senza inopportuni rallentamenti.

 

L’esperienza e la professionalità Gunnebo hanno contribuito anche in questo caso alla riuscita di un innovativo progetto nel settore del trasporto pubblico, come già in molte altre metropolitane, stazioni, porti e aeroporti in tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni sulle soluzioni Gunnebo per il mass transit e in generale per tutti gli aspetti della sicurezza, potete contattare l’azienda all’indirizzo info.it@gunnebo.com , telefonare al numero 02 267101 o visitare il sito www.gunnebo.it

Condividi sui Social Network:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SAFETY & SECURITY MAGAZINE

Una volta al mese riceverai gratuitamente la rassegna dei migliori articoli di Safety & Security Magazine

Rispettiamo totalmente la tua privacy, non cederemo i tuoi dati a nessuno e, soprattutto, non ti invieremo spam o continue offerte, ma solo email di aggiornamento.
Privacy Policy